sabato 9 luglio 2011

la logica dello scarafaggio

di lo Scorfano

La logica elementare dice che, se trovi uno scarafaggio sul pavimento, significa che la tua casa è piena di scarafaggi. Uno scarafaggio significa decine, centinatia, forse migliaia di scarafaggi. Significa uova dietro ai battiscopa,  significa muri e tubazioni già invasi e colonizzati, significa piano interrato da disinfestare; uno scarafaggio significa che devi farti forza perché la lotta sarà lunga e non è detto che sia vincente. Se trovi uno scarafaggio che cammina tranquillo sui pavimenti di casa tua, la logica elementare ti dice con chiarezza che non sarà eliminando lui che avrai risolto il problema.

Mi viene in mente la logica dello scarafaggio quando, sui quotidiani nazionali, leggo incredulo del deputato Marco Milanese e dei suoi traffici: leggo di nomine truccate, soldi intascati e rapporti con la Guardia di Finanza; leggo di vendita delle poltrone; leggo di corruzione a tutti i livelli; leggo di appalti truccati e inquinati da tangenti; leggo di ristrutturazioni fantasma e case affittate chissà come a chissà chi; leggo di rapporti di potere ben consoclidati e di macchine corruttive ben oliate. Leggo tutto questo e mi pare che questo sia lo scarafaggio. Il quale non è di per sé un problema, naturalmente.

Ma se c’è uno scarafaggio sul pavimento di casa vostra, non illudetevi che sia un caso isolato, entrato da fuori. Avrete invece i muri pieni di uova, le tubature invase di bestioline pronte a uscire, i battiscopa da staccare e disinfettare. È la logica dello scarafaggio: ed è questo che mi lascia senza fiato, quando leggo dell’onorevole Marco Milanese e dei suoi affari sporchi. Perché uno scarafaggio difficilmente significa uno scarafaggio. Più facilmente significa decine, centinaia, migliaia di scarafaggi dappertutto.

7 commenti:

  1. E l'insetticida siamo noi col nostro voto... ma evidentemente in troppi non lo hanno ancora capito...

    RispondiElimina
  2. Ho convissuto per qualche mese con una famiglia di scarafaggi, qualche anno fa.
    Vivevano nello scarico di una doccia inutilizzata e non me la sono sentita di sterminarli.
    Erano ospiti discreti silenziosi e anche piuttosto eleganti. Ogni tanto, quando rientravo a casa dal lavoro, li trovavo che camminavano veloci, con le loro antenne basse. Mi ricordavano un noto banchiere deceduto una decina d'anni addietro, leggermente ingobbito e sempre vestito di nero, che camminava a testa bassa senza rispondere alle domande dei giornalisti che lo perseguitavano.

    Niente a che vedere con le odiose zanzare tigre. Dagli scarafaggi non ho mai subito un torto o una presa per il culo, mai un aumento di benzina, una predica sulla mia promiscuità sessuale (sperando che si scriva senza q). Quello in foto però è uno scarabeo (stercorario). Per qualcuno era pure sacro.
    variabile (prolisso e didattico)

    RispondiElimina
  3. Sì, lo so. Ho optato per lo stercorario per l'idea stessa di sterco, in realtà.

    RispondiElimina
  4. Scorfano,

    spero non ti sia accorto soltanto ora della presenza di questo insetto invasore. Prima di oggi si erano visti altri esserini infestanti della corretta vita civile e politica della nostra nazione.

    I nostri media (TV e giornali) ti sono sembrati obiettivi e diretti da persone capaci e meritevoli? Oppure non sono stati anche loro spazi nascosti dal battiscopa ove moltiplicarsi nascosti alla vista della maggioranza dei cittadini italiani?

    Vogliamo poi parlare della notizia del giorno di oggi che sentenzia della conferma al pagamento di 560 milioni di euro per partecipazione alla corruzione?

    Come si chiama questa cosa qui? Uno scarrafone gigante?

    RispondiElimina
  5. E' da un po' che mi chiedo se porre per legge un limite temporale alla carriera dei nostri politici possa o meno aiutare a confinare questa colonia di bagarozzi. Forse questo non è il post più adatto per discuterne, ma mi piacerebbe sentire il vostro parere in merito.

    RispondiElimina
  6. Anonimo Anonimo9 luglio 2011 19:24

    IL GRANDE BLEAH.
    "Le femmine depongono le uova, in numero variabile secondo la specie, dell'ordine di diverse decine, all'interno di ooteche. L'ooteca è una capsula formata con il secreto delle ghiandole colleteriche ed è suddivisa in cellette verticali, ciascuna contenente un uovo, disposte su due serie allineate. Ogni femmina può produrre più ooteche nel corso della sua vita e a seguito di un unico atto riproduttivo. L'ooteca viene trattenuta dalla femmina nell'estremità dell'addome e depositata un po' prima della schiusa in un ambiente adatto, in genere rappresentato da un luogo riparato, umido e oscuro. Nelle specie ovovivipare e vivipare, l'ooteca viene riassorbita oppure trattenuta all'interno dell'apparato genitale e l'incubazione si svolge perciò all'interno del corpo della madre."

    RispondiElimina
  7. Alessandro,

    il mio parere è senz'altro favorevole al limite massimo di due legislature per ogni investitura di carica politica o amministrativa, comunque pubblica al servizio della cittadinanza e di quello che dovrebbe essere un bene comune.

    E sarei anche favorevole alla fedina penale pulita, pena la non eleggibilità.

    Oggi invece sembra che in parlamento ci sia un posto riservato a tutti quelli che avendo questioni in sospeso con la giustizia non trovano altro rifugio che gli scranni con le loro commissioni pro domo loro.

    Solo qui in Italia.

    RispondiElimina

(Con educazione, se potete. E meglio ancora se con un nickname a vostra scelta, se non vi dispiace, visto che la dicitura Anonimo è brutta assai. Qualora a nostro parere doveste esagerare, desolati, ma saremmo costretti a cancellare. Senza rancore, naturalmente.)