domenica 3 luglio 2011

consigli per un viaggio

di lo Scorfano
 
Visto che due anni fa, sul vecchio blog, l’esperimento era riuscito molto bene e mi aveva fruttato ottimi consigli, alcune indicazioni originali e un viaggio più interessante di quello che sarebbe stato senza suggerimenti, ripropongo anche quest’anno un post analogo: un post in cui vi chiedo consigli per le mie vacanze estive (sempre lunghissime, beato me).

Il viaggio è tutto in macchina, tra Germania, Danimarca, Olanda e Belgio. Le tappe sono quelle che vedrete nella cartina dopo il taglio di pagina e sono già prestabilite (nel senso che abbiamo già prenotato tutti gli alberghi, dopo laboriosissima contrattazione, e non è questo il momento per disfare il già faticosamente fatto). Però ogni tappa occupa circa quattro giorni (tranne quella di Aachen, solo un giorno) e dunque le possibilità di giri nei dintorni restano molte; senza contare che anche gli spostamenti prevedono una sosta, perché, avendo tutto già prenotato, non abbiamo nessuna fretta di arrivare a destinazione ("noi" siamo io e la mia ragazza, per intenderci; e le laboriosissime contrattazioni sono state quelle con lei, non con gli albergatori; nemmeno con quelli esosissimi della Danimarca, che un qualunque dio li converta).  

E insomma, questa è la cartina con il percorso e le tappe. Sarei grato, a chiunque sapesse qualcosa di quei luoghi, di qualunque consiglio volesse darmi. Parto tra una quindicina di giorni; quando tornerò vi saprò dire se le vostre indicazioni sono state preziose o se al contrario mi avete cacciato in un guaio (che è bello lo stesso: i guai sono un po’ il sale di un viaggio).

Intanto, vi ringrazio già fin da ora per lo sforzo che vorrete fare. E, sappiatelo, non vedo l’ora di mettermi in macchina, e partire.

45 commenti:

  1. Ad Amsterdam direi che e' d'obbligo una visita qui: http://www.wynand-fockink.nl/ E' un locale "caratteristico", si trova nelle vicinanze di piazza Dam (un po' nascosto) e servono una specie di aperitivo che producono loro direttamente. Consiglio l'accoppiata bicchierino+birra prima di cena :) Anche se molto turistico (magari a voi non piace fare le cose spudoratamente turistiche), vale comunque la pena fare il giro in battello.

    Delle citta' limitrofe, consiglio Den Haag: facilmente raggiungibile in treno (un'oretta circa, sconsiglio di muoversi in macchina; piuttosto, avete gia' idea di dove metterete la macchina ad Amsterdam? perche' qua e' tutto a pagamento) e' una citta' molto carina (in una giornata si gira bene).

    Questo e' quanto, buone vacanze :)

    Konx

    RispondiElimina
  2. Grazie molte Konx. Diciamo che noi cerchiamo di evitare le trappole per turisti, ma non i luoghi turistici in sé e per sé: anche perché spesso, se sono turistici, è anche perché sono molto belli...
    Per quanto riguarda il parcheggio, ho letto che ci sono megaparcheggi limitrofi alla tangenziale di Amsterdam a un prezzo ragionevole. La mia idea era di mollare la macchina lì per 4 giorni e non pensarci più.

    RispondiElimina
  3. Riguardo Heildelberg: è un po' troppo turistica. Se hai tempo consiglio una giornata a Strasburgo. Se ti consigliano Karlsrue, sappi che è abbastanza noiosa (almeno per noi lo è stata). E naturalmente vi consiglio di fare un giretto in bici nella foresta nera. Noi abbiamo mangiato in un ristorantino piuttosto "rustico" nella foresta proprio vicino Karlsrue.

    RispondiElimina
  4. Su Heidelberg mi immaginavo; d'altronde è il centro più comodo sulla via del ritorno e ci sono alcune cose che vorrei assolutemente vedere. A Strasburgo siamo passati due anni fa, durante il giro della Fancia (il secondo giro della Francia). Ci piacque molto ma non moltissimo.

    RispondiElimina
  5. Per il parcheggio, se vi fidate, potreste mettere la macchina vicino alla stazione di Amsterdam Zuid. In pratica, a 10 minuti a piedi dalla stazione, ci sono questi quartieri residenziali che pur essendo ancora dentro Amsterdam hanno i parcheggi gratuiti. Io ho usato questa opzione quando sono venuti i miei a trovarmi. Il posto sarebbe anche comodo considerata la stazione nelle vicinanze (per esempio, cerca su google maps Koxhorn - Amsterdam...in quella zona i parcheggi sono gratis).

    Konx

    RispondiElimina
  6. Ho guardato e credo di avere capito. E' solo l'inciso se vi fidate che mi lascia perplesso...

    RispondiElimina
  7. ma... e a Rovigno, quando venite?

    RispondiElimina
  8. Be', per Rovigno basterà un weekend: facciamo i primi di settembre?

    RispondiElimina
  9. Scusate, ma il bello della macchina (che personalmente odio...) non è andare dove vi pare senza programmare?

    Cmq, per Copenhagen, anche se ve lo può dire qualsiasi guida turistica: wienerbrød a manetta. La pasticceria danese è buona assai.

    uqbal

    RispondiElimina
  10. Il bello della macchina è avere programmi da non rispettare (ma non bisogna dirlo: deve essere tutto "casuale", sennò non ci si diverte più). Per il resto, purtroppo, ho la fidanzata celiaca... Tante rinunce (per solidarietà).

    RispondiElimina
  11. Norimberga è molto bella, c'è il museo nazionale della storia tedesca (o come cavolo si chiama), dove scoprirai che per loro la preistoria finisce all'altezza della caduta dell'impero romano (il che spiega alcune cose che altrimenti non si spiegano) e poi c'è quel che resta del faraonico complesso di edifici nazisti. Puoi anche farti due passi intorno al palco dove baffetto teneva i discorsi durente le famose adunate. Si mangia benissimo tra l'altro.

    Heidelberg è turistica sì, anche perché i turisti vanno dove c'è qualcosa da vedere, se non vai nei posti turistici non è che proprio, come dire, eh...

    Ad Aquisgrana non ci sono mai stato, so solo che ci vive la gente che lavora in Lussemburgo e non so, le cose vicino al Lussemburgo mi danno l'idea di essere noiose per osmosi.

    RispondiElimina
  12. Grazie, Tommy, un po' di aspettavo. Amburgo vale una gita in giornata, vero? (ad Aachen ci andiamo perché ci ho la ragazza ossessionata dalla cultura carolingia: non si poteva evitare; e sui luoghi turistici tendo a pensarla, escluse alcune clamorose trappole per polli, come te.)

    RispondiElimina
  13. Dimenticavo, se sei ad Heidelberg potresti allungare e andare a visitare Coblenza (Koblenz) e Magonza (Mainz), così vai a vedere il Deutsche Ecke, alla confluenza di Reno e Mosella e il museo di Gutemberg. Ci sarebbe anche Worms da quelle parti e il monumento dove hanno buttato l'oro del Reno.

    Oppure un po' più in giù c'è Darmstad. Insomma fai tu...

    RispondiElimina
  14. Amburgo non la conosco bene, ci sono stato una volta, sotto Natale, un freddo fottuto e buio tipo alle tre del pomeriggio. Comunque sì, vale la pena se ci passi.

    RispondiElimina
  15. Ad Amburgo penso di andarci: prendo un treno da Lubecca. Invece ero abbastanza sicuro per Mainz, meno per Koblenz. Vedrò anche quante energie mi restano quando arrivo lì, alla fine del viaggio.

    RispondiElimina
  16. ok, mi accontenterò di un wknd... spero che mi lascino qualche giorno libero in settembre, visto che facciamo gli esami entro fine agosto. ma aspetto comunque anche il disagiato, in qualche momento :-))

    RispondiElimina
  17. Grazie per l'invito e non appena sono libero dagli affari di negozio organizzo spedizione a Rovigo.

    RispondiElimina
  18. Conigli in ordine sparso
    1) Concordo con Tommy su Coblenza: è bellissima e merita una visita.
    2) Acquisgrana: oltre alla Cappella Palatina e al Duomo coniglio la Schatzkammer. Proseguendo lungo il duomo vi è una serie di viuzze, in una di queste, all'angolo tra due vie, c'è una meravigliosa kneipe del '600 tutta legno e trofei. Oltre ad essere bella si mangia bene
    3) Proseguendo v.so Amsterdam coniglierei una tappa a Colonia o Dusseldorf. La prima merita per il duomo, la seconda ha un centro carino ed il K20 ove potrai vedere la più grande collezione di Klee del mondo.
    Se ami la birra prova la Kolsch a Colonia, un paio di birrerie carine sono vicino al duomo, e a Dusseldorf la Alt (Uerige è vicino al K20, http://www.uerige.de/gaststaette/veranstaltungsraeume/uebersicht-veranstaltungsraeume/)
    4) In tutte le città tedesche vendono la Daily Card che da l'opportunità di usufruire dei trasporti gratis e include l'ingresso a molti musei
    5) Nel Baden Wurttember vale anche la pena di vedere Baden Baden, città termale con meravigliosi edifici belle epoque

    Gute Reise!

    RispondiElimina
  19. Pero', che invidia! Non mi resta che augurarvi buon viaggio.

    RispondiElimina
  20. Quindi ricapitolando: cancella Danimarca e Olanda, che tanto abbiamo capito che non c'è niente, e fatti tutta la Germania imperiale (Norimberga, Aachen, Worms ecc ecc) poi fatti le città anseatiche (aggiungici pure Rostock, tanto se sei a Lubecca non ci metti tanto).

    Ricordati che il Reno-Danubio era il confine dell'impero romano e quindi ci sono ancora tracce del limes (poco fuori Francoforte c'è un sito archeologico che è diventato patrimonio dell'umanità, dove puoi vedere un tratto del limes e un castrum romano ricostruito nell'800).

    Dovrebbero assumermi all'ente promozione turismo tedesco.

    RispondiElimina
  21. Cioè, vai a Copenhagen e non vai a Malmoe in Svezia passando sopra l'apposito ponte?

    RispondiElimina
  22. Anonimo, ha detto che ci va con la ragazza, che ci va a fare in Svezia con la ragazza? A litigare per sempre fino alla tomba?

    RispondiElimina
  23. Beh, se parliamo di Germania imperiale mettiamoci anche Paderborn (http://www.paderborn.de/microsite/welcome/tourism/sp_auto_10551.php?p=0,1) e, visto che è in zona, la visita al monumento ad Arminius ne la foresta di Teutoburgo (Hermannsdenkmal http://en.wikipedia.org/wiki/Hermannsdenkmal)

    A proposito di Romani a Colonia c'è il museo romano-germanico, credo il più importante dell'area (è vicino al Duomo)

    @Tommy: avanti così finisce a per rifare 8 volte le prenotazioni e si trova a Leverkusen a vedere la Bayer ;)

    RispondiElimina
  24. il "se vi fidate" è riferito al fatto che sono parcheggi gratuiti lungo la strada (anche se la zona che ti ho indicato è in un punto in mezzo alla zona residenziale), mentre presumo che quelli a pagamento siano chiusi da un qualche cancello/rete e quindi, in qualche modo, più protetti :) detto questo, io la macchina l'ho lasciata la per una settimana e non è successo niente!

    ciau

    Konx

    RispondiElimina
  25. Allora, riepilogando. Grazie a Tommy e Annareella, che mi stanno arricchendo le tappe tedesche di tantissime novità impreviste: girerò per 20 ore al giorno, immagino, ma proverò ad andare dove dite voi, magari allungando qualche tappa.
    Per quanto riguarda il ponte per la Svezia, la suggestione iniziale era di percorrerlo, anche solo per la curiosità. Poi ho letto quanto costa e mi è passata un po' di suggestione.
    Grazie infine a Konx: ho capito, si tratta proprio di parcheggi liberi lungo la strada. Non so, non ho voglia di stare con l'ansia per 4 giorni. Vedrò se riesco a trovare qualcosa a pochi euro al giorno, ma custodito.

    RispondiElimina
  26. Parcheggi in Germania: nelle grandi/medie città coniglio i parcheggi di Kaufhof, sorta di Rinascente locale, che di solito sono in centro. Non costano poco ma se comperi anche solo una matita da 20 cent te li scontano del 50%

    RispondiElimina
  27. @Annarella: tornerò con un bel carico di matite, insomma ;) (grazie del consiglio: quelli pratici sono sempre i più preziosi)

    RispondiElimina
  28. Ciao a tutti! Complimenti per l'articolo e volevo prendere l'iniziativa per segnalarvi questo portale!! Che ne dite?!? Grazie per l'attenzione e ancora complimenti, sicuramente sarò un vostro lettore fidato!!


    cartomanzia

    RispondiElimina
  29. [sia pur con notevole ritardo]
    Da Norimbenga *bisogna* andare a Rothenburg o.t. (una settantina di chilometri) e *si può* andare a Bamberg a bere la Rauchbier.
    Amburgo è bellissima, se a uno piacciono le città portuali (io adoro le città portuali, ma so che è un po' una perversione). Comunque ho un ottimo ricordo anche di Lubecca.
    Poi *bisogna* andare a Colonia e *si può* andare a Mainz; comunque anche Heidelberg ha il suo porco perché.
    In Belgio pioverà (in Belgio piove sempre) e occhio alle patate fritte con le cozze, anche perché non c'è null'altro da fare che mangiare quelle; ma fatevi furti e abboffatevi di frutti di mare crudi.
    A Aquisgrana oltre la cappella palatina non c'è nulla, ma ci si può riposare nel parco.
    Manca Dusseldorf, città per la quale ho una certa mia passionaccia (e non solo per essere stata dimora di un paio di noti maestri del pensiero blogghesco), ma oramai il percorso è fatto, quindi amen.

    RispondiElimina
  30. Molte grazie , avvocato (nessun ritardo, il post è di ieri, ma è di quelli che so essere a lunga gittata).
    Per Rothenburg ero indeciso, ma a questo punto direi che abbiamo deciso per il sì (tra l0altro anche da Heidelberg non è lontano). Approvati Ambrugo e Colonia (quest'ultima in una tappa di trasferimento).
    Dusseldorf,m nonostante le passionacce, resta fuori, mi sa. E il Belgio resta dentro, se non altro per dire che fa schifo.

    RispondiElimina
  31. ma bruxelles no?
    http://maps.google.it/maps/ms?hl=it&gl=it&ie=UTF8&oe=UTF8&msa=0&msid=111081928751387244379.00045235657029c7bba8b

    RispondiElimina
  32. Bruxelles si pensava di farla in giornata, partendo la mattina presto da Bruhges, appunto. Sperando che sia una buona idea...

    RispondiElimina
  33. bruges è splendida ma più di un giorno non ha senso, visto che è molto piccola; bruxelles invece è un'ottima idea, se non ci si limita al centro che oltre alla grand place non offre granchè... bisognerebbe vederla nella dimensione non turistica, con i quartieri spagnolo/africano/europeo/arabo che sono ognuno un microcosmo diverso e separato dal resto della città; nella mappa che ho fatto c'è qualche indirizzo gastronomico insieme ad alcune indicazioni sui posti da vedere, ma se vuoi altro chiedi pure

    RispondiElimina
  34. Un consiglio poetico (quindi utile) e un consiglio pratico (quindi meno):

    1) Da Amsterdam alzati un mattino presto, e prenditi una giornata per arrivare a Den Oever, un villaggio di pochissime anime di fronte al mare. Non c'è quasi niente: un campeggio, case basse, una collina, e dietro la collina il mare, con quella diga lunghissima (guarda su google maps) che ci lasci il cuore.

    2) Fossi in te farei il ritorno un po' più a est: Amburgo è bellissima, ma poi ad Hannover non c'è niente e Francoforte/Monaco che palle. Invece se hai tempo e voglia e da Amburgo tiri fino a Berlino, e poi passi da Dresda, allunghi un poco la strada ma sarà incomparabilmente più bello.

    E le autobahn tedesche non hanno il pedaggio (:

    RispondiElimina
  35. @hariseldon_74: facile che ci siamo sbagliati, ma ormai ci siam un po' affezionati all'idea diBruges (che palle!, dirai tu, e forse avrai ragione). Su Bruxelles, se non ci basterà una giornata, magariu ne facciamo due, tanto non c'è molto da vedere in Belgio, e abbiamo 4 giorni pieni.

    RispondiElimina
  36. @olinam
    Come volevasi dimostrare: il consiglio poetico mi è utile, perché particolare: lo seguirò senz'altro.
    Quello pratico invece non mi è utile, perché Berlino e Dresda sono le due uniche città tedesche (insieme a Monaco) che abbiamo già visto di recente entrambi.

    RispondiElimina
  37. Aggiunta sull'Olanda (non so quanti giorni stai):

    - Den Haag. C'è ben poco ma il Mauritshuis è lì e ci sono la Veduta di Deft e la ragazza col turbante di Vermeer e La Lezione di Anatomia di Rembrand
    - Utrecht: il centro è piccolo, ma è meravigliosa. Siediti sotto il Duomo, osserva la gente dai locali sui canali e metti i paraocchi alla fidanzata perchè credo di aver visto la più alta concentrazione di olandesi maschi mozzafiato :)

    /me è lusingata da m.fisk
    Dusseldorf cmq vale la pena perchè, musei a parte, è proprio bellina

    RispondiElimina
  38. Be', voglio immaginare che anche le signorine olandesi non siano del tutto prive di attrattiva, no?

    RispondiElimina
  39. Le signorine olandesi son decisamente all'altezza.
    In più , come le tedesche, la lunghezza dei loro shorts è inversamente proporzionale alla lunghezza della gamba nella fascia 16-25 anni
    Ciò provoca molta irritazione nella femmina mediterranea, lo ammetto

    RispondiElimina
  40. Gli olandesi hanno il problema che sono tutti bipolari: a tratti hanno l'allegrezza del teflon, per poi dare via di matto e fare cose assurde e senza senso e poi tornare al teflon.

    Io non li ho mai capiti e mai li capirò...

    RispondiElimina
  41. Comunque, se a qualcuno piacesse vedere un pezzo di Germania dove gli stranieri non vanno mai, visitate il Meclemburgo-Pomerania anteriore.

    È il land più povero della Germania, a nord-est, sulla costa del Baltico e al confine con la Polonia. Rostock, per capirci, è in questo Land.

    Non andateci assolutamente d'inverno, per gli ovvi motivi. Ma ci sono dei posti bellissimi. Ho visto un villaggetto chiamato Grememllin-Lalendorf, che sembra uscito direttamente da una fiaba dei fratelli Grimm.

    La costa del MeckPom è molto bella, ci sono porti e villaggi di pescatori. Io ho visitato la zona intorno a Wustrow, Niehagen e Althagen e, anche se non ci sono opere d'arte e archittoniche, l'atmosfera è qualcosa che non si trova in altre parti della Germania. E non è sicuramente la Baviera, che ha anche rotto con le sue Lederhosen e l'Oktoberfest.

    Ci sono anche moltissimi laghi con castelli e regge signorili e se a qualcuno piacciono i giri in bicicletta è l'ideale.

    RispondiElimina
  42. @Tommy
    Ti confesso il piccolo segreto che non dirai a nessuno: le due tappe da cui mi aspetto di più, per questo viaggio, non sono né Copenaghen né Amsterdam, che pure non ho mai visto. Sono invece proprio il Meclemburgo e poi Skagen, la punta nord della Danimarca. Ho letto di paesaggi molto diversi dai nostri, di una luce particolare, di un'atmosfera fredda ma suggestiva. E' lì che, personalmente, non vedo l'ora di arrivare.

    RispondiElimina
  43. Si porti una damigiana di Autan

    RispondiElimina
  44. Offro anche io qualche suggerimento!
    Francia: Suggerisco Colmar, bella cittadina medioevaleggiante e Cluny se vi piacciono le chiese.
    Germania: anche se mi sembra un po’ fuori dal vostro percorso magari al ritorno passate per la Romantische Strasse, se vi piacciono le cittadine medioevali. Parte da Fussen, dove si trova lo spettacolare castello di Neuschwanstein per passare dalla romana Augsburg, la medioevale Dinkelsbühl ancora cinta di mura e torri, la splendida Rothenburg od der Tauber e termina a Würzburg.
    Brema per me non è il massimo, mentre merita la cattedrale di Colonia. Molto bella Amburgo e Monaco di Baviera.
    Se riuscite fare un pieno in Lussemburgo………. Costa pochissimo!!
    Belgio: Non perdetevi i birrifici come quello di Chimay, Orval e Floreffe. Bel paese Roche-en-Ardenne, come Dinant sempre nelle Ardenne, patria dell’inventore del sassofono il signor Sax. Imperdibile la piazza principale di Bruxelles, la città universitaria di Lovanio, Waterloo se vi piace la storia, molto bella Anversa e Gent. Da passare la giornata a Bruges e fare un salto sul mare a Ostenda. Se vi piacciono i castelli consiglio quello di Gaasbeek e di Beersel. Ieper è una bella cittadina mentre se amate la storia andare a Bouillon, dove nacque Goffredo di Buglione.
    Danimarca: bel paesino Tonder come Ribe. Se amate i Lego non perdete Billund. A Jelling ci sono particolari iscrizioni vichinghe in massi enormi, mentre a Hobro si trova la ricostruzione della Fortezza vichinga di Fyrkat. In punta alla penisola danese si trova Skagen con le sue casette e le sue dune. Belle cittadine anche Aalborg e Arhus. Imperdibile Odense, città di Andersen, il castello di Egerskoc Slot e la città di Roskilde con la cattedrale. Bellissimo il Frederiksborg Slot a Hillerod e a Helsingor il Kronborg slot, il castello di Amleto!. Molto bella Copenhagen.
    Ho scritto alcuni post sul mio blog, se ti va viene a farmi visita e spero che i consigli saranno utili!
    http://ilcovodijack.blogspot.com/

    RispondiElimina

(Con educazione, se potete. E meglio ancora se con un nickname a vostra scelta, se non vi dispiace, visto che la dicitura Anonimo è brutta assai. Qualora a nostro parere doveste esagerare, desolati, ma saremmo costretti a cancellare. Senza rancore, naturalmente.)