martedì 11 ottobre 2011

condonati e non

di lo Scorfano

Si farà quindi, probabilmente, il condono fiscale. Ma non solo: si farà anche il condono dei «piccoli abusi edilizi». Ma non basta ancora: perché non ci si deve dimenticare il contributo di solidarietà sui redditi lordi dichiarati sopra i 300.000 euro...

Insomma, le linee guida della politica economica del governo ora sono abbastanza chiare. L'unica altra mossa che si potrebbe pensare di fare, a questo punto, sarebbe formare delle piccole squadre di volontari (tipo ronde padane) che vadano, casa per casa, a prendere anche per il culo (con pernacchie e insulti) quelli che ancora pagano le tasse.

6 commenti:

  1. Ognuno protegge i suoi ellettori. La democrazia in Italia funziona così.

    RispondiElimina
  2. Ma questa Repubblica e' ancora fondata sul lavoro o ..????? Con questo premier ormai non si contano piu' i condoni, mi sento terribilmente preso per il CULO da questi parassiti incapaci. Vogliono, una volta per tutte, togliere dalla circolazione le loro facce indicibili ?????

    RispondiElimina
  3. Quante volte è stato detto "questo è l'ultimo condono?"
    Credo non ci sia altro da aggiungere.

    RispondiElimina
  4. oh, cacchio!, non ho neanche un piccolo abuso edilizio da condonare... ;-|

    RispondiElimina
  5. indignata...

    ohana

    RispondiElimina
  6. Noi ci indignamo, il governo sembra cadere, ma poi non cade, e tutto resta come prima. Vabbè...

    RispondiElimina

(Con educazione, se potete. E meglio ancora se con un nickname a vostra scelta, se non vi dispiace, visto che la dicitura Anonimo è brutta assai. Qualora a nostro parere doveste esagerare, desolati, ma saremmo costretti a cancellare. Senza rancore, naturalmente.)