lunedì 17 ottobre 2011

cani e porci

di lo Scorfano

Incontro una mia amica ungherese, che da diversi anni vive in Italia. Mi racconta che sta portando il suo cane (mitissimo) in un centro di addestramento, affinché impari qualcosa, anche solo a raccogliere il bastone lanciato dalla padrona in un prato della Franciacorta. Mi dice che ci sono molti cani di tutte le razze. E poi sorride.

E mi racconta che, in particolare, in mezzo a molti altri cani, c'è un piccolo cane molto peloso, che nessuno sopporta. Perché il cagnetto peloso salta addosso a tutte le altre cagnette del centro di addestramento per accoppiarsi con loro. E non solo: salta addosso anche a tutti i cani maschi del centro, con il medesimo intento di ingropparseli tutti. E poi sorride ancora, la mia amica ungherese, e mi dice che ormai gli addestratori chiamano quel piccolo cagnetto peloso e ingroppatore, normalmente, davanti a tutti, «Berlusconi».

11 commenti:

  1. E bravo il cagnetto peloso, speriamo che si ingroppi anche la signora ungherese, altrimenti me la ingroppo io

    RispondiElimina
  2. posso dire solo "ussignur!"???

    RispondiElimina
  3. Maledetti addestratori comunisti! :-D
    Dopo aver assediato Repubblica e rovesciato il palazzo di Giustizia di Milano bisognerà pensare anche a loro...

    RispondiElimina
  4. Mia mamma e le sue amiche appassionate di giardinaggio si riferiscono sempre alle piante usando i nomi scientifici. Da anni fanno però un'eccezione per il lamium maculatum che chiamano Berlusconia perché è una pianta della quale non ci si libera più (basta un minuscolo pezzetto di radice perché ricresca più rigogliosa che mai).

    RispondiElimina
  5. Vedi? E' il segno che l'uomo al comando ci ha portato via anche l'innocenza del linguaggio... Pure quella dei nomi propri! ;)

    RispondiElimina
  6. POTERE DELLA PAROLA

    Signori, signore! Non scherziamo con i nomi, che la parola, purtroppo abusata e lasciata striminzita, mantiene un suo potere sonoro.

    Non per nulla è con la parola, con il suono, oltre che con la luce, che si manifesta il pensiero creativo.

    Marco ;-)

    RispondiElimina
  7. Mia mamma e le sue amiche appassionate di giardinaggio si riferiscono sempre alle piante quel piccolo cagnetto peloso e ingroppatore, normalmente, davanti a tutti.

    RispondiElimina

(Con educazione, se potete. E meglio ancora se con un nickname a vostra scelta, se non vi dispiace, visto che la dicitura Anonimo è brutta assai. Qualora a nostro parere doveste esagerare, desolati, ma saremmo costretti a cancellare. Senza rancore, naturalmente.)