martedì 22 marzo 2011

un giorno speciale

di lo Scorfano

L’ex presidente di Israele Moshe Katsav è stato condannato a sette anni di detenzione per stupro e per molestie sessuali: il verdetto era già stato reso noto a dicembre, ma la pena è stata comminata dal giudice soltanto oggi. Il suo compagno di partito, l’attuale presidente israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che la condanna a Katsav segna:  
an extraordinary day in the State of Israel. This is a day of sadness and shame, but it is also a day of deep appreciation and pride for the Israeli justice system. The court issued a sharp and unequivocal ruling on a simple principle, that of equality before the law; nobody is above the law, not even a former president, all are subject to the law.
Oppure, secondo un’altra fonte: «This is a special day for the State of Israel, a day of sadness and shame. But there is also deep appreciation and pride in the Israeli justice system» (cambia solo l’aggettivo attribuito al giorno, non so perché; addirittura, sul Post, quell’aggettivo diventa: un giorno triste, non so perché; mentre al Tg di Sky hanno detto: un bel giorno, chissà perché).

In ogni caso, forse un giorno (bello, speciale, straordinario e anche triste) succederà anche da noi, in Italia: che la naturale tristezza (e la vergogna) per una condanna al carcere di un uomo di governo si possa mescolare all'orgoglio e alla soddisfazione di vivere in un paese che non fa distinzioni di potere e di ricchezza davanti alla legge. Ripeto: forse un giorno (speciale e triste) succederà anche da noi, in Italia. Però è vero che, per come ci sentiamo e viviamo in questo paese, cupo e un po' affannoso, a me non pare che questo giorno speciale sia molto vicino.

12 commenti:

  1. Dovrebbe essere un giorno "normale", non altro.

    Gianni

    RispondiElimina
  2. Non esagererei: un paese in cui un primo ministro viene incarcerato non è esattamente "normale"...

    RispondiElimina
  3. Eh, troppo tardi per queste domande difficili... Magari provo domani ;)

    RispondiElimina
  4. Tra un paio di giorni, che ne dici? ;)

    RispondiElimina
  5. Dico che te la sta tirando ;-P

    RispondiElimina
  6. Vabbè, più prosaicamente dirò che non sono in grado di definire "normale". :-PPPP

    RispondiElimina
  7. (Mi piace un sacco tirarti per la giacchetta, lo sai? ;) )

    RispondiElimina
  8. Io, che avrei bisogno solo di un po' di gentilezza...

    RispondiElimina
  9. (se non la smettiamo questo post si trasforma in un socialnetwork; se fossimo su di un socialnetwork, cliccherei "mi piace" sotto al tuo ultimo commento e sarebbe finita qui ;-P )

    RispondiElimina

(Con educazione, se potete. E meglio ancora se con un nickname a vostra scelta, se non vi dispiace, visto che la dicitura Anonimo è brutta assai. Qualora a nostro parere doveste esagerare, desolati, ma saremmo costretti a cancellare. Senza rancore, naturalmente.)