domenica 8 gennaio 2012

criptocodice

di lo Scorfano

Mi ha fatto molto sorridere, l'altra sera, questo post dell'amico Maurizio. E mi ha fatto ricordare (perché mi ero dimenticato anche quello) che io da anni tengo nel portafoglio un piccolo foglietto che riporta il mio codice bancomat, criptato secondo un criterio che a me sembrò (quando lo scirssi) e continua a sembrare indecifrabile. Insomma il pin del mio bancomat, scritto su quel foglietto, è questo: celestino-dite-dite-francesca-omero. E forse voi mi conoscete un po' e ci potete arrivare: ma io rimango convinto che sia un sistema di criptografia assolutamente efficace. E non so se quelli che usate voi, ammesso che li usiate, possano esserlo altrettanto.

12 commenti:

  1. Io il mio PIN lo so a memoria.
    Da qualche parte, in casa, c'è il foglietto della banca che mi hanno spedito a casa.
    Ed è l'unico posto in cui è scritto.
    Ma, cacchio, adesso mi avete fatto venire dei dubbi e vado a leggerlo.

    RispondiElimina
  2. Dante?

    Io me lo ricordo a memoria. Però con la scusa che ormai siamo legati dal vincolo (non sacro), l'ho datto anche al marito che ha un suo sistema di codifica assolutamente sicuro (!). Così spero che quando mi colpirà l'Alzheimer ci sarà chi è in grado di provvedere :-)

    RispondiElimina
  3. Marco, sei in errore. Spero sia tu a trovare un giorno il mio bancomat per strada... ;)

    RispondiElimina
  4. Detto, non datto.
    (Si vede che ho fatto bene, il nemico è alle porte. Sempre ammesso che il rincoglionimento senile sia un nemico, poi)

    RispondiElimina
  5. Lgo, sì: il criterio è quello.

    RispondiElimina
  6. io adotto delle frasi, talmente semplici da ricordare che poi non ho bisogno di scriverle. Poi la lunghezza della parola è il numero che devo digitare.
    Come criptatura non è granché, ma se l'abbinate al fatto che non devo lasciare scritto niente da nessuna parte, è blindata.
    Oltre ai bancomat (3: mio, mamma, moglie) tengo a mente, targhe, codici allarme e altre menate del genere.
    esempio (targa motorino di mia moglie):
    DF 92538
    (Dice Furio: razzolini si guida con prudenza)
    dove furio sono io e razzolini mia moglie.
    Il numero non lo imparerò mai, ma la targa la saprò finché campo.

    RispondiElimina
  7. Mah, io per ora ricordo a memoria parecchie cose :-) Poi questo ultimo bancomat è il vecchio numero di telefono di mio zio Carlo ;-)
    (anche "Foreghèt" di Piumini, che c'entra niente ma per dire che esercito la memoria)

    RispondiElimina
  8. Io sono noioso: uso keepass (con password molto lunga e keyfile) e i neuroni. :-)
    ilcomizietto

    RispondiElimina
  9. Non saranno mica i canti in cui si trovano gli oggetti crittografaci?!

    RispondiElimina
  10. Il mio prof di Lettere, membro interno all'esame di maturità, pensò di trascrivere in codice la seconda materia su cui ci sarebbe piaciuto essere sentiti, così da orientare la scelta della commissione. Ebbene ogni giorno a tre su cinque almeno capitava una materia diversa:probabilmente aveva perso la chiave.

    RispondiElimina

(Con educazione, se potete. E meglio ancora se con un nickname a vostra scelta, se non vi dispiace, visto che la dicitura Anonimo è brutta assai. Qualora a nostro parere doveste esagerare, desolati, ma saremmo costretti a cancellare. Senza rancore, naturalmente.)