giovedì 21 giugno 2012

il segnapagine del 21.VI.2012

dello Scorfano e del Disagiato

Dotcoma, "Coi soldi dei privati": Lo si sente dire sempre più spesso: questa o quella importantissima, fondamentale opera pubblica, che sia una linea di metropolitana, un pezzo di autostrada o Expo 2015 poco importa, verrà realizzata “con il contributo dei privati”. E tu pensi: però, pensa che gentili, sti privati. Pensi anche, magari: ah, va beh, che cazzo me ne frega, se poi non serve a nulla ci smenano i privati. 
Malafemmena, Il treno dei desideri, nei miei pensieri all’incontrario va: Per migliorare il servizio pendolare servono soldi. I soldi non ci sono, il servizio non migliorerà. Anzi, peggiorerà. Mettetevela via. Compratevi un’auto, andate a vivere vicino all’ufficio.
[falsoidillio], L'inchiostro di Madame Bovary: Con i romanzi i letterati si trovarono di colpo in mano un’arma di ineguagliabile potenza. Il suo detonatore era nuovo: imitare attraverso un registro serio – o con derivazioni di quel registro come ad esempio l’ironia tragica – la vita, le azioni, i pensieri, i sentimenti, l’ambiente, la famiglia, la società, persino i vestiti degli “individui reali e qualunque” che noi lettori siamo, usando i più vari procedimenti tecnici e narrativi ritenuti utili allo scopo.
Wittgenstein, La fine del garantismo del Pdl: Il garantismo del PdL non è mai esistito, è da sempre stato un buon principio adottato per meschine e ipocrite ragioni, ovvero proteggere dai magistrati Berlusconi e altri accusati di quel partito e di quello che lo precedette.
Emanuele Zinato, Alessandro Baricco e lo Zeitgeist: Una vignetta del grande Altan (ecco un vero “divulgatore”!) riassume e svuota esemplarmente la pochezza di questo assioma baricchiano: “E’ venuta l’ora di rivalutare la merda!” – dice un personaggio ‘rampante’ – “E quando mai è stata svalutata?”  risponde Cipputi.

7 commenti:

  1. Professore, lasciaci anche una parola tua. Ne sento la mancanza. E mi farebbe sentire più sensate anche le corse a scuola di settimana scorsa...

    RispondiElimina
  2. Professore, ci lasci una dichiarazione sugli esami in corso, anche non professionale, anche banale, furviva, due parole...

    RispondiElimina
  3. complimenti.......

    RispondiElimina
  4. Monica, Ste
    Mi dispiace, davvero, ma non ho mica niente da dire in questi giorni... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che tu abbia ancora la voglia di dirci qualcosa, tra qualche giorno.

      Elimina
    2. Lo spero anch'io, naturalmente :)

      Elimina

(Con educazione, se potete. E meglio ancora se con un nickname a vostra scelta, se non vi dispiace, visto che la dicitura Anonimo è brutta assai. Qualora a nostro parere doveste esagerare, desolati, ma saremmo costretti a cancellare. Senza rancore, naturalmente.)